SI UCCIDE A 25 ANNI LANCIANDOSI DAL 7° PIANO: “NON HO LAVORO, NON CE LA FACCIO PIU’”

suicida-settimo-piano-720x340

Il giovane si è lanciato dal settimo piano di un edificio in via Roma a Pomigliano d’Arco, popoloso comune operaio nel Napoletano. Nella lettera alla madre le ragioni del gesto disperato: “Non ho lavoro, non ce la faccio più. Devo farla finita”.

 Tragedia nel Napoletano: un giovane disoccupato di venticinque anni si è tolto la vita lanciandosi dal balcone. Il drammatico episodio è avvenuto a Pomigliano d’Arco, nelle prime ore del pomeriggio, in uno stabile ubicato a pochi passi dalla fermata della ferrovia Circumvesuviana. Il ragazzo si è lanciato dal balcone del settimo piano di un edificio della centrale via Roma. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine, che hanno provveduto ad eseguire i primi rilievi del caso e ad allontanare la folla che si era raccolta dopo il terribile episodio.

Sul posto anche l’ambulanza del 118, anche se i medici non hanno potuto far altro che constatare il decesso del giovane. Gennaro Faraco – questo il nome della vittima – era attualmente disoccupato. Una lettera di addio indirizzata dal giovane a sua madre, rivela che sarebbe proprio questa condizione ad averlo indotto a togliersi la vita. “Non ho lavoro, non ce la faccio più. Devo farla finita” si legge nel biglietto lasciato dal venticinquenne. A quanto si apprende, il 25enne avrebbe dovuto provvedere a parte del sostentamento della madre, cinquantenne casalinga. La frustrazione alla base dell’impossibilità di un impiego capace di arginare le preoccupazioni economiche è stata troppo forte. Di qui, il disperato gesto.

http://www.robadapazzi.com/

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. alberto scrive:

    Primo faccio le piu` sincere condoglianze alla famiglia, e poi dico che mi sono rotto i coglioni di sentire che aiutano questo e quello , che sono quasi sempre extracomunitari che vogliono la casa , da mangiare , i soldi per le sigarette piu` 35 euro al giorno e GLI ITALIANI si ammazzano .AVETE ROTTO I COGLIONI STATO DI MERDA

  2. Maryka scrive:

    Un povero ragazzo napoletano senza un posto di
    Lavoro senza soldi non ce la fatta più e si è ucciso! Dico io stato Italiano state aiutando cani e porci e non aiutate noi Italiani che vi paghiamo tasse su tasse e vi diamo il potere al governo ma aiutate gli italiani dategli un lavoro e se quello non c è date a noi una casa dei soldi aiuti veri perché i veri extracomunitari .. Siamo noi i poveri italiani! I soldi sono i nostri dateli a noi non a quelli che emigrano qui da altri paesi. Siamo
    Poveri noi italiani… Aiutate a noi italiani date lavoro al sud ., date case.. Da mangiare., soldi agli italiani .. I miei nonni sono morti in guerra per liberare l Italia… Ora fuori dalle palle gli stranieri e governo parlamento guardate e aiutate Noi italiani che siamo nati in Italia. Ma poi dico ma siamo costretti ad aiutare tutti quelli che vengono da tutte le parti del mondo.. Quando il nostro paese ha bisogno di aiuto!!
    Fuori tutti i politici.. Siete voi che avete fatto amnazzare un povero ragazzo di 25 anni .. Cosa ci voleva a dire lui è italiano non ha lavoro.. Diamo una mano a lui! No l aiuto va agli stranieri.. E allora noi italiani ce ne andiamo dall Italia andiamo a lavorare all estero e le tasse non le paghiamo più e non paghiamo neanche i politici ! Amen

  3. carmine scrive:

    E uno schifo come si fa a non fare niente si quattro coglioni li spaccherei la faccia che escono in televisione a prendere x il culo agli italiani Basta e ora di prendere provvedimenti

  4. Io scrive:

    Sincere condoglianze alla madrema a 45 anni sai quante volte mi sarei buttato dal trentesimo piano…
    Purtroppo non tutti sanno reagire alle difficoltà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *