La prepari la sera (ci vogliono 2 minuti), la fai riposare in frigo, la bevi appena sveglio, leggi i benefici sul tuo corpo

dqmtyhoz

La guerra alla cellulite è ufficialmente iniziata. Anche se, a dire il vero, qualcuna ha cercato di tenerla a bada anche in inverno. Ma in inverno, si sa, è più difficile essere ligi al dovere: le gambe sono coperte, i bikini sono nascosti nei meandri dell’armadio e, pure se abbiamo un chiletto in più (o un po’ di buccia d’arancia), nessuno si accorge. Ora, però, la stagione delle cosce al vento è iniziata e quindi il problema cellulite ritorna. Come ogni benedetto anno.

Cosa fare per liberarsi della ciccia di troppo e, soprattutto, di quei malefici cuscinetti? Facendo sport e bevendo tanta acqua. Ok, ma l’acqua non basta mica. E oggi vi proponiamo una pozione da bere al mattino che apporta grandi benefici al corpo e, se assunta con regolarità, aiuta a mandar via la cellulite.

Bere, comunque, è la regola numero uno per buttar via la cellulite che, come tutte sappiamo, si forma a causa di un ristagno di liquidi nel corpo. Quindi, eliminando i liquidi, si elimina anche la cellulite? Più o meno. Le bevande o le tisane, però, devono essere rigorosamente senza zucchero.

 

Una bevanda facile e veloce, perfetta contro il ristagno dei liquidi, è quella suggerita a Elle dalla dottoressa nutrizionista Maria Papavasileiou. Si tratta di una tisana perfetta per chi è a dieta, perché totalmente naturale ma allo stesso tempo ricca di elementi antiossidanti e depurativi. Vuoi provarla? Ti servono:

•500ml di acqua naturale

•Un cetriolo medio

•Un limone

•2 cucchiaini di zenzero (fresco e grattugiato)

•10 foglie di menta

(Continua a leggere dopo la foto)

Si procede così: taglia a fettine il cetriolo e il limone, metti tutto in una brocca insieme allo zenzero e alla menta. Lascia riposare in frigo per una notte e bevi al risveglio. Tutti i giorni.

Tra i benefici: avrai meno appetito, depuri il corpo, avrai la pelle più bella e, ovviamente, combatti la ritenzione.

http://www.caffeinamagazine.it/

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *